Questo sito contribuisce
alla audience di

La verità è che non gli piaci abbastanza - no, non è un film, è la realtà

by - lunedì, maggio 28, 2012


Ci sono quelle volte in cui esci con la Gina e passi due ore della serata a sentire i suoi racconti su Tipo che le piace tanto, su come questo le tiri certe occhiate seduttive, su come abbia chiesto info su di lei alla portinaia e su come sicuramente la Gina ci farà cose con Tipo.


E tu ascolti e pensi: "Evvai, è la volta buona che la Gina la dà a qualcuno"

Poi la Gina finalmente esce con Tipo e tutta eccitata ti racconta di come lui sia interessante, galante e di come sicuramente la Gina ci farà cose con Tipo.

Ascolti contenta, invochi la divinità del fare cose, e che gliela mandi buona alla Gina.

Passa qualche giorno e Tipo sparisce, la Gina impanicata non sa cosa pensare:
"Véronique, ma perché non si fa sentire? Era così preso bene! Véronique non capisco, è impossibile che non mi voglia sentire, ha fatto tanto per conoscermi, per uscire con me e poi quando finalmente ci è riuscito, cosa fa? Mi sparisce! È impossibile che non voglia più sentirmi di sua iniziativa, sarà stato sicuramente l'amico a dirgli che non andavo bene per lui, la bisnonna dalla tomba gli sarà andata in sogno e gli avrà detto qualcosa, sarà stato della famiglia dei Montecchi, saranno state coincidenze cosmiche, sì sono sicura saranno stati i Maya a metterlo contro di me, lui mi voleva, ne sono sicura, non è stato lui a scegliere di non cercarmi più."

Tu ascolti la Gina e le dimostri tutto il tuo affetto dicendole: "Sì Gina, sarà sicuramente come dici".

Ma quello che vorresti veramente dire alla Gina è: "Perché perderti in questo mare di pippe mentali femminili? Usa quel po' di testosterone che hai in corpo e realizza che la situazione è molto più semplice di quel che pensi: è un uomo, gli piaci e ti chiama, non gli piaci e non ti chiama.
Oh cara Gina, la verità è che Tipo è uscito con te ed è sparito perché non gli piaci abbastanza, non gliene frega un cazzo".

Morale della favola
Che tu sia Gina oppure no, prendi dagli ormoni maschili il poco di buono che hanno: la semplicità e il pragmatismo!
E basta farti pippe mentali!
E guardati il film "La verità è che non gli piaci abbastanza" o leggi il libro da cui è tratto (è stato scritto da due sceneggiatori di "Sex and the City"!).


Avete letto un prezioso contributo della sezione "I Pensieri di Véronique" e se volete allietarvi leggendo gli episodi precedenti, li trovate qui.

You May Also Like

13 comments

  1. ahahah XD comunque di solito è verissimo ^__^

    RispondiElimina
  2. ...purtroppo però spesso è difficile dire all'amica d turno la fatidica frase.. e ancor peggio sentirsela dire...
    http://vittimadelletendenze.blogspot.it/

    RispondiElimina
  3. Aahahahahha io adoro quel film! :D

    RispondiElimina
  4. TI AMO <3 XD

    E prima che imparerò la lezione ce ne vorrà di tempo..oohh se ce ne vorrà...Nel frattempo prendo appunti :D

    con affetto,
    una delle tante "Gina" Y__Y uhauhauha :P

    RispondiElimina
  5. Io credo di soffrire di doppia personalità. Con le mie amiche sono Véronique, quando le cose capitano a me stessa, sono irrimediabilmente Gina. :D

    Vorrei esser nata uomo!

    Un bacio u.u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellissimo post ! :D
      ho adorato quel film.. molto veritiero! :)

      http://pinkmeup09.blogspot.it

      Elimina
  6. Ne ho una serie di racconti del genere provati su mia pelle con relative pippe mentali... olè!!

    RispondiElimina
  7. io non l'ho visto il film...
    lo metto in lista :)

    RispondiElimina
  8. Già, è sempre molto più semplice di quanto pensiamo. Ma un conto sono i fatti un conto sono i sentimenti e quando capita che non gli piaci è un casino comunque!

    RispondiElimina
  9. Mi ricorda molto una puntata di Sex and the city dove il ragazzo di Carrie lo rivela a Miranda, che ne rimane del tutto affascinata chiedendosi come mai in tutti quegli anni si fosse fatta tante pippe quando la risposta era talmente semplice!!!

    RispondiElimina
  10. Dopo anni di patimenti e aver infine realizzato che l'uomo etero medio pensa in maniera assolutamente lineare, adesso mi perplimo quando becco il portatore di pisello segue linee di pensiero contorte (e siccome c'ho sfiga, ora che non mi distruggo il cervello inutilmente mi capitano solo quelli che si fanno i problemi, ovvio! XD)...

    RispondiElimina

Lovely comments

© VERONIQUE TRES JOLIE. ALL RIGHTS RESERVED